directory       contattaci     preferiti     chi siamo

 


Massime e motti latini


361) Sipignore creditor utatur, furti tenetur
Se ilcreditore utilizza per se stesso la cosa che ha ricevuto in pegno,commette appropriazione.


362) Si quiduniversitati debetur, singulis non debetur; nec quod debet universitassinguli debent
Se lapersona giuridica ha un credito, ai singoli soci nulla è dovuto; néquesti debbono pagare ciò che quella debba pagare.


363) Si quisnon vult operari, nec manducet.
Se uno nonvuol lavorare, non mangi. (San Paolo)


364) Sitacuisses phiposophus manuisses.
Se tuavessi tenuto la bocca chiusa, avrebbero continuato a considerarti unfilosofo. (Boezio)


365) Si vires
Se sei unuomo


366) Si vis pacem, para bellum.
Se vuoi la pace prepara laguerra.


367) Sivitam inspicias hominum, si denique mores, / cum culpant alios: nemo sinecrimine vivit.
Se osservila vita degli uomini, se osservi i loro costumi, quando incolpano altri:nessuno vive senza commettere colpe.


368) Silent... leges inter arma.
Quando ci sono le armi leleggi tacciono. (Cicerone)


369) Simpliciterpateat vitium fortasse pusillum: quod tegitur, maius creditur esse malum
Mostratranquillamente i tuoi difetti, che forse sono cose da nulla: un maletenuto nascosto è creduto peggiore di quello che è. (Marziale)


370) Sinepennis volare haud facile est.
Non èfacile volare senza ali.


371) Sint ut sunt aut non sint.
Siano comesono o non siano.


372) Societasdelinquere non potest
La societàcivile non può commettere delitti.


373) Solomnibus lucet
Il solesplende per tutti. (Petronio)


374) Solamen miseris socioshabuisse malorum.
E' consolazione per idisgraziati aver avuto compagni di sventura.


375) Solveet repete
«Paga epoi richiedi»: clausola della non opponibilità di eccezioni perritardare o evitare la prestazione dovuta.


376) Somnia ne cures, nam mens humana quod optat, dumvigilat sperat, per somnum cernit id ipsum.
Non badareai sogni: ciò che la mente umana desidera, quando è sveglia lo spera,nel sogno lo vede realizzato. (Catone)


377) Stultacredulitas.
La scioccacredulità. (Fedro)


378) Stultitiamaxime soror est malitiae.
Lastoltezza è soprattutto sorella della malvagità.


379) Stultitiam simulare locoprudentia summa est.
Sii stupido, quando lorichiede la situazione stessa!.


380) Stultorumincurata pudor malus ulcera celat.
Glisciocchi, nel loro stupido pudore, nascondono le piaghe senza curarle.


381) Suaenim cuique prudentia deus est.
Per ognunola propria saggezza equivale all'aiuto di un dio.


382) Substantiapotuis, idest veritas, intuenda, quam opinio
Bisognaprivilegiare la sostanza delle cose, cioè la verità, piuttosto chel'opinione.


383) Successus improborum pluresallicit.
Il successo dei malvagialletta molti. (Fedro)


384) Suffucit diei malatia sua.
Ad ogni giorno basta il suomale.


385) Summum ius summaIniura.
Perfetta giustizia perfettaingiustizia. (Cicerone)


386) Summusius, summa iniuria.
Massimaapplicazione del diritto, massima ingiustizia. (Cicerone,Deofficiis,I,10,33)


387) Superfluanon nocent
Le cose inpiù non sono dannose (Sant'Agostino)


388) Suscipe,Domine, lites infra clientes bene nummatos, ac transigere nolentes, sicutnos, honeste, locupletari possimus
Suscita, oSignore, delle liti fra clienti ben forniti di denaro, e non inclini atransigere, sì che noi possiamo, onestamente, guadagnarci.


389) Tabularasa.
Tavolapulita.


390) Tardiorasunt rimedia quam mala.
Sono piùlenti i rimedi dei mali. (Tacito)


391) Tempuslugendi
Periodo dilutto vedovile (Il tempo del piangere).


392) Teresatque rotundus.
Sferico erotondo. (Orazio)


393) Tertiumnon datur.
Una terzapossibilità non è concessa. (logica aristotelica)


394) Testi unus testis nullus.
Un solo teste nessun teste.


395) Testibus,non testimoniis creditur.
Si credeai testimoni, non alla testimonianza.


396) Testisnon est iudicare
Non spettaal teste esprimere giudizi.


397) TimeoDanaos, et dona ferentes.
Temo igreci, anche quando recano doni. (Virgilio, Eneide)


398) Timeohominem unius libri
Temol'uomo che ha letto un solo libro (San Tommaso d'Aquino)


399) Traditionihil amplius transferre debet vel potest ad eum qui accipit, quam estapud eum qui tradit.
Laconsegna della cosa venduta non deve e non può trasferire, a chi lariceve, nulla di più di quanto sia nella disponibilità di colui chel'esegue.


400) Transactioest timor litis.
Latransazione è paura della lite.



home page

home page

indice della sezione

indice argomento





 

Personal Trainer

 
 
 
 

[home page]