directory       contattaci     preferiti     chi siamo

 


Chocolat

Ecco come fare una scorpacciata del mitico dolce e non avere contraccolpi sulla bilancia.

ChocolatIl cioccolato fa ingrassare, fa venire i brufoli, fa venire il diabete, contiene sostanze che creano dipendenza. NO, non è vero niente: il cioccolato fa bene, aiuta a concentrarsi, è un antidepressivo?... BLA BLA BLA. Si chiacchiera troppo sulla cioccolata, e non se ne parla mai veramente: quanti di voi sanno che le nuove normative permettono l'uso di grassi e non del solo cacao? Vuol dire mettere fine all'epoca della cioccolata pura, signori. "E’ una vergogna!" tuona Juliette Binoche, protagonista morbida e burrosa di Chocolat, l'ultimo film di Lasse Hallstrom arrivato da qualche settimana nelle sale italiane.

La Binoche, di cioccolato ormai se ne intende: "Una polvere così rara ed esotica”. Il cioccolato per lei è un’arte dell'infanzia, fa parte del rapporto di ognuno con i divieti, con le imposizioni subite, col proibito in generale. “Ha un fascino indiscutibile".

Proprio sulla sottile linea tra liceità e perbenismo, piacere e bisogno, godimento e libera espressione di sé fa leva tutta la vicenda del film. Che racconta (con quelle atmosfere sospese tra favola e realtà, che Hallstrom sa creare così bene, (vedi Le regole della casa del sidro) la vicenda della ragazza madre Vianne in un paesino francese tanto carino quanto ottuso.

Siamo agli inizi degli anni '60 e, proprio come cantava De Andrè Vianne porta lo scompiglio al paesello aprendo una cioccolateria. Che diventa una specie di confessionale alternativo, e molto più efficace di quello reale. Hallstrom ci deve sempre infilare dentro l'argomento scottante, nei suoi film lievi, altrimenti non si diverte: se ne Le regole della casa del sidro era l'aborto, qui è il complesso rapporto con la Chiesa. Tanto poi cerca sempre di far tutti felici e contenti.

Per forza! C'è questo buonissimo cioccolato che abbonda ogni dove scatenando, a seconda della razza dello spettatore, o una fame incontenibile oppure un'indigestione visiva. Molto bella la fotografia, dai colori morbidi e cioccolatosi (appunto) e le atmosfere.

Vianne la cioccolatiera-confessora ha il potere di far venire a galla i desideri nascosti dei suoi clienti, con garbo e con quel sorriso che solo Juliette Binoche sa fare. Altro paio di maniche è capire cosa vuole veramente lei dalla vita. Per fortuna arriva Roux (Johnny Depp), girovago rivoluzionario, a svelare l'arcano.

Consigliato a chi: non è allergico ai film romantici e non teme la favola psicoanalitica.

Dove acquistarlo

  Cerca altri siti e risorse a tematica "cinema"



home page

home page

indice della sezione

indice argomento





 

Personal Trainer

 
 
 
 

[home page]