14 luglio 2001

Difficile trovare le cose interessanti

Spesso capita che le cose più interessanti siano anche le più difficili da trovare.

Per esempio, oggi mi è successo di leggere un pezzo dal titolo "Advertising ROI Lies In Branding, Not Clicks Or Traffic". E dov'era? Su Asia.Internet.com.

Insomma, ho girato mezzo mondo per trovarlo e, comunque è datato 25 giugno...Secondo Jupiter Media Metrix solo il 15% dei marketer guarda all'effetto branding nel calcolo del ROI di una campagna pubblicitaria online, mentre la maggior parte continua a tenere conto piuttosto di parametri quali il click-rate e il cost per conversion.

La ricerca nota inoltre che i risultati positivi, in un'ottica di branding, sono ancora maggiori quando la campagna pubblicitaria è multichannel, cioè avviene anche su altri media, quali la tv o la radio.

Etichette: ,

11 luglio 2001

Weblogz.it è una me-zine?

Me lo chiedo dopo aver letto un articolo sul NY Times.

Sempre più giornalisti pubblicano le loro opinioni sul web sui propri siti personali e, a quanto pare, in questo modo, riescono anche a guadagnare qualche lira. E chi lo ha detto che l'informazione gratis in Rete non paga? Beh, su questo c'è parecchio da discutere, come infatti avviene in questi giorni su Mlist.

Io preferisco, per il momento restare più sul weblog che sulla me-zine. Anche perché, in parte, concordo con l'opinione di Mr Talbot di Salon.com il quale afferma che una me-zine non è altro che "one-man vanity presses." Come sempre però non si può giudicare a priori e sparare nel mucchio. Ci sono alcuni casi come, ad esempio, quello di
Gandalf.it, che mi fanno dire: se la vanità porta tanta qualità di informazioni ed opinioni, viva la vanità! ;-)

Etichette: ,

09 luglio 2001

Lamentele sui voli aerei

Non pensavo esistessero così tanti siti che danno spazio alle lamentele ai passeggeri dei voli aerei.

Invece oggi ho trovato un articolo sull'Economist che ne elenca addirittura sette. Peccato che quello con il nome più accattivante, Americanairlinessucks.org in realtà non sia ancora attivo...

Naturalmente c'è anche chi della lamentela fa un business. Molto professionale è
PlanetFeedback, che da spazio ad ogni tipo di feedback: lamentele, complimenti, suggerimenti e domande. Bella l'idea della community, nello spazio '15 minuti di gloria' vengono infatti riportati i commenti più recenti postati dagli utenti iscritti. Moooolto americano... ;-)

Etichette:

Motori di ricerca e liquidità

I motori di ricerca sono ancora alla ricerca, scusate il gioco di parole, di far quadrare i conti.

Lo scrive Upside.com anticipando online un articolo che sarà pubblicato sul numero in edicola ad agosto. Lo scorso agosto ha chiuso i battenti Go.com, nato alla Disney da una costola di Infoseek e rivelatosi, per l'appunto, un fallimento.

Ma neppure gli altri godono di grande salute tanto che in molti hanno scelto di proporsi piuttosto come portale delegando in outsourcing le funzionalità di ricerca, giudicata troppo cara da gestire.

Etichette: ,

05 luglio 2001

Quante volte al giorno controllate l'email?

Quante volte al giorno controllate l'eMail?

Secondo uno studio di Gartner, ogni persona spende ogni giorno circa 49 minuti per controllare la posta elettronica.
Il 42% degli intervistati non manca di leggere l'eMail quando è in vacanza ed il 23% ci da un'occhiata anche nel week-end.
Durante la settimana lavorativa il 53% degli utenti business controlla la posta sei o più volte al giorno, mentre il 34% lo fa costantemente.

Etichette:

03 luglio 2001

Fine della pausa di riflessione

Ok, pausa di riflessione conclusa. Ricomincio a parlare di cose quasi sensate.

Inizio con Clickz.com. Comincia a deludermi. I contenuti stanno scendendo di livello. Ci sono si e no quattro articoli al giorno. E poi è onnipresente quel Dana Blankenhorn, che ogni giorno scrive di un argomento diverso. Ok, che è una giornalista professionista, ma come si fa a parlare di tutto un po' saltando, come si dice dalle mie parti, di palo in frasca? E' solo invidia la mia? Un po' si, lo confesso ma, per fortuna, l'invidia non è una delle mie doti.

:::

Secondo argomento della giornata. Mi piace leggere qua e là dei fallimenti delle dot.com. Non perché goda delle disgrazie altrui ma piuttosto perché credo che sia un buon modo per imparare quali sono gli errori da evitare e quali, invece, le strade da seguire.


Oggi sono capitata di nuovo sul sito di Webmergers, proveniente da un articolo su Technews.com dove si affermava che il numero di fallimenti nello scorso mese è rimasto stabile (wow! Che sia passata la crisi? Mmmm, non ancora credo).

Il fatto che mi ha colpito di Webmergers è che ospita un'intera sezione per chi vuole 'vendere una dot.com'! Una sorta di mercatino dell'usato con le grandi occasioni ed magari anche i saldi di fine stagione. Favoloso !?! Se vinco al SuperEnalotto quasi quasi vado a fare shopping da quelle parti :-)

Etichette: